giovedì 11 febbraio 2016

Aria di primavera

Se voi cercate con Google la stringa di testo Aria di primavera, noterete che il motore di ricerca ci mette tra i suggerimenti, senza che io sappia il perché, la voce del poeta romano Catullo

Ecco vi dico subito che questo articolo non vuole addentrarsi nei meandri della latinità e neppure parlare in maniera naturalistica della primavera. In realtà il titolo vuole suggerire le novità che stanno prendendo piede nel mondo IPM Multiservice

Sono più che mai deciso a sconvolgere in maniera palese la mia presenza on line ed è assai probabile che prossimamente vedrete delle grosse novità che toccheranno il blog, il sito statico e ovviamente tutti i social ad essi collegati. 

Per ora il discorso è ancora in mare aperto, tuttavia sto studiando e valutando proposte di collaborazioni che mi giungono da ogni dove.  
Assodato il fatto che senza una reale presenza in rete (bello il gioco di parole)diventa sempre più difficile farsi conoscere all'infuori dei soliti ambiti. 

Assodato il fatto che il blog con un solo contributo settimanale non può dare un valore aggiunto immediato. Aspettatevi quindi delle grosse novità nel prossimo periodo. 

Novità che andranno a toccare in modo del tutto nuovo e con una nuova vision la mia presenza in rete. 

Stay tuned e ne vedrete delle belle. 

Grazie

giovedì 4 febbraio 2016

Cinque cose da non fare con il blog

Venerdì 23 ottobre 2015 avevo pubblicato il post Cinque cose da fare con il mio blog, ora qualche mese dopo ho pensato bene si pubblicare un articolo elencando le Cinque cose da non fare con il blog. L'esperienza di questi due anni mi è stata molto utile e non mi sento affatto un presuntuoso presentando un articolo del genere. Anzi. 

1 - Usare aggregatori di notizie 
Consiglio di non usare aggregatori di notizie o altre piattaforme che promettono visite al blog. Siete voi a portare visite alla piattaforma e non viceversa. Diffidate da chi vi promette successo solo perché vi iscrivete sul loro portale. Il più delle volte avendo più rank si mangiano i vostri stessi post. 

2 - Spammare i link del blog 
Una delle cose che un blogger non deve mai fare è quella di lasciare il link del proprio blog in un commento a un articolo se non richiesto espressamente. Fate proprio la figura dei dilettanti. Guai anche a chiedere di ricambiare la visita. 

3 - Litigare con altri blogger 
Non litigate con nessuno apertamente. Se nasce qualche problema con altri blogger, sistemate la faccenda in privato. 

4 - Usare gruppi facebook 
In realtà qui occorre fare una piccola precisazione. Ci sono gruppi facebook che sono dei trampolini di lancio ideali per un'attività di blogging. Ma sono rari e difficili da scovare. Il più delle volte troverete dei gruppi fasulli che vi porteranno più guai che vantaggi. 

5 - Scambio link 
Rifiutate a priori qualsiasi scambio link, non naturale. 

Grazie!

giovedì 28 gennaio 2016

Il giorno più bello della settimana

Potrei sbagliarmi ma credo che per la maggior parte delle persone il giorno più bello della settimana sia il venerdì. 

In linea di massima credo che possa essere lo stesso per me, anche se ho una leggera predilezione per il sabato. Ma appena capirete dove voglio andare a parare con questo articolo cambierà tutta l'interpretazione del post. 

Certo in realtà voglio capire e statisticare quale sia il giorno più bello della settimana per pubblicare in rete. Se pubblicassi durante tutti i giorni feriali della settimana, non avrei un problema, è fuori discussione e forse sarebbe del tutto inutile questo articolo. 

Ora mi basterebbe trovare un orario giornaliero adatto e sarei a posto per sempre, ma pubblicando solo una volta, vi confesso che non è semplice capire se le giornate scelte sono quelle giuste. 

Ormai credo di aver adottato - quasi in maniera istintiva - il giovedì, ma è davvero la giornata ideale? 

Facendo delle semplici ricerche in rete si trova di tutto, ma non una risposta precisa sull'orientamento da adottare non è facile estrapolarla e allora cosa c'è di meglio che porre un quesito in merito ai lettori. 

Ogni piccolo suggerimento sarà apprezzato, anche perché un bravo blogger sa essere ricettivo e adattabile ai cambiamenti. 

Grazie.

giovedì 21 gennaio 2016

Le mie tre parole per il 2016

All'inizio dell'anno sul blog Penna Blu di Daniele Imperi, un blogger e web writer di Roma, ho letto il post 3 parole per il 2016, un particolare meme ispirato da un lavoro di Chris Brogan partito qualche anno fa. 

Ho notato che diversi blogger che seguo hanno a loro volta seguito il suggerimento di Penna Blu e vi devo confessare che ciò che ho letto mi ha stimolato molto. Perciò ho deciso di seguire anch'io questa strada. Le parole una volta scritte hanno molto più valore una volta messe davanti agli occhi. 

Ecco le mie tre parole per il 2016.

1 - Azione 
Non c'è nella che porti al successo come l'azione e deve essere un qualcosa di sempre vivo nella mente di una persona 

2 - Costanza 
Per me è difficile trovare il tempo per bloggare, ma come ho fatto sino ad ora voglio continuare a essere costante con le pubblicazioni. Voglio uscire una volta alla settimana e se poi i tempo dovrebbero darmi più spazio, potrei pensare anche a raddoppiare le uscite. 

3 - Empatia 
Sapete che importanza riveste per me l'empatia... 
«Più passa il tempo, più scrivo post e pubblico articoli, più convinto che una delle più grandi qualità in grado di fare la differenza nel mondo del blogging, sia la capacità di suscitare empatia con la propria scrittura.» 
Scrivere in maniera empatica 

Grazie.

giovedì 14 gennaio 2016

Grazie a chi legge

Ho notato che molti blog che solitamente leggo terminano i propri articoli con la parola grazie. Un grazie a chi legge. Può sembrare quasi una cosa senza senso, ma vista con più profondità non si può che fare un plauso a questi blogger e forse è anche per questo che anche il sottoscritto a deciso di adeguarsi. 

Da ora in avanti alla fine dei miei post troverete sempre la parola grazie. Credo che per un blogger sia fondamentale ringraziare chi si prende la briga di mettere il naso sulla sua piattaforma. 

Ora non avevo mai pensato a un gesto utile a ringraziare anche chi si ferma qualche minuto a leggere soltanto i miei post, senza commentare. Tutti quei lettori che leggono senza farsi conoscere e che magari leggono tutti i miei post. 

Si tratta di un semplice gesto di cortesia da parte mia, ma necessario e spero faccia piacere a tutti quelli che si sono sempre limitati a leggere i miei post come dei semplici uditori. Non vi conosco ma per me contate tantissimo. 

Il nome Blog di Multiservice ha sempre più spazio nella serp e questo e dovuto ai vostri click

Un grazie quindi che ha valore per quello che farò e pubblicherò in futuro (non ricorrerò ad automatismi, ma spero di non dimenticarlo) e sopratutto per quello che il Blog ha già vissuto. 

Grazie a tutti!

giovedì 7 gennaio 2016

Cosa resterà del 2015

Sul mio blog sono stati pubblicati varie volte dei post di carattere statistico. Vi basta fare un viaggio tra i vari articoli che trovate sulla barra laterale sinistra per rendervene conto. Mai fino ad ora, però, mi pare, di non aver mai postato nulla di statistico a sfondo riflessivo. Credo sia giunto il momento di farlo... 

Forse non c'è nulla di più adatto per fare un lavoro del genere che un inizio d'anno e non sorridete se ho intitolato questo articolo Cosa resterà del 2015

Ho pensato giusto visto che di questo 2015 sul mio blog rimarrà tutto. Nulla andrà perduto e cancellato e sopratutto tutto ciò che è stato pubblicato servirà come stimolo e motivazione per questo 2016. I vecchi articoli saranno il mio supporto per fare ancora meglio. 

Mi darò da fare per fare ancora meglio. Mi impegnerò a essere più presente e attivo. Farò tutto il possibile per darvi quattro o cinque minuti di lettura che non siano inutili. Cercherò di essere più ricettivo ed ematico, se non lo sono stato abbastanza. Interagirò con più metodo e passione. Diventerò più social e cercherò di essere ancora più amabile. 

Magari concludendo tutti gli articoli da qui in avanti con un bel grazie. Ma di questo aspetto ne parleremo un'altra volta.

venerdì 1 gennaio 2016

Una notte lunga un anno

Ero indeciso se pubblicare questo articolo il 31 dicembre 2015 o il 1 gennaio 2016

C’ho pensato qualche minuto e la soluzione è venuta da sé in maniera peristaltica. Questo articolo uscirà nella blogosfera alle ore zero, quindi vale per giovedì 31 dicembre 2015 e per venerdì primo gennaio 2016

Neanche un modo tanto originale per fare gli auguri, ma visto che non ho mai pubblicato nulla in automatico e in modo programmato perché non provare? 

Ora non credo di trovare molta gente in giro sul web. Le attenzioni in questo momento debbono essere rivolte altrove, mi auguro. Insomma, datevi da fare e iniziate bene questo 2016. Non badate a cosa avete in mano e a dove vi trovate, iniziate bene e basta. 

Che sia un anno speciale e migliore di tutti quelli che avete avuto, anche se nel passato ne avete avuto di eccezionali. Non bisogna fermarsi mai. Bisogna saper ponderare le cose ma cercare sempre di fare e ottenere il meglio. Ora dopo ora, giorno dopo giorno e anno dopo anno. 

E ricordate che Una notte lunga un anno non dura per sempre! 

Auguri e buon 2016